Oggi è il 19 gennaio 2022
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Sempre connessi, a casa e fuori: per Cisco siamo pronti a vivere una “connected life”

Secondo una recente ricerca Cisco, il 90% della popolazione europea desidera nuovi servizi per avere sempre a disposizione musica, video e tutti i contenuti digitali di casa. La percentuale è maggiore di quella registrata negli USA, dove gli interessati sono il 77%.
- Europei ed Italiani sono pronti per vivere una “connected life”: una vita in cui sia possibile accedere sempre e ovunque ai contenuti digitali, utilizzando prodotti e servizi che permettano di farlo con semplicità.

E’ quanto emerge dalla ricerca “Connected Life – Consumer Trends and Content Strategies” dell’Internet Business Solution Group (IBSG) di Cisco, realizzata su un campione di 1.500 consumatori europei (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna) che dispongono di una connessione internet a banda larga, ADSL o fibra ottica.

I ricercatori hanno sottoposto al campione un modello di servizio che permette di archiviare, gestire e usare i media e i contenuti digitali domestici attraverso la tv, il computer o il cellulare in modo integrato. Si parla di musica, video, programmi TV, film, foto, ma anche di strumenti utili per la vita quotidiana come l’agenda degli appuntamenti e la rubrica degli indirizzi. In particolare il 96% degli utenti Italiani ha espresso interesse per un servizio del genere e oltre il 50% si è dichiarato disposto a spendere 3,5 euro al mese per disporne.

Un tale elevato interesse è il frutto dell’introduzione e del consolidamento progressivo delle tecnologie nel corso dell’ultimo decennio: siamo pronti a vivere una connected life perché abbiamo già in casa gadget tecnologici di ogni tipo: cellulari, computer, lettori MP3. E non solo: noi siamo convinti che la tecnologia “da la libertà di vivere la propria vita nel modo desiderato” (53% del campione italiano) e “ci aiuta ad essere più produttivi e organizzati” (64%).

In media, le persone che hanno partecipato a questo studio trascorrono più di 4 ore al giorno in movimento, fuori da casa e dal posto di lavoro: poter comunicare, fruire di contenuti di intrattenimento, entrare nei propri archivi è considerato un vantaggio molto importante. Il 55% del campione italiano desidera restare sempre connesso con i propri amici o la propria famiglia e il 79% ha dichiarato di voler consultare la propria mail non appena possibile, ovunque. Sono persone che già sfruttano le possibilità di scambio e connessione disponibili: il 24% condivide foto e video con il cellulare, il 29% naviga online con il telefonino, il 48% ascolta musica online e il 46% scrive o commenta su blog e community.

Tra i contenuti digitali preferiti, oltre alla musica, è il video a farla da padrone. Fra gli utenti a banda larga il sorpasso del web sulla TV è già avvenuto: in media, sono 21 le ore trascorse ogni settimana connessi al web, a fronte delle 11 trascorse guardando la televisione . In Italia il segnale è ancora più forte, dal momento che soprattutto i giovani spendono ancora più tempo davanti a Internet (25 h settimanali) che di fronte la TV (10h). Bisogna infine sottolineare che il tempo televisivo è spesso condiviso con altre attività: facendo riferimento sempre ai giovani (fino a 30 anni), questo tempo è condiviso al 30% con l’utilizzo di Internet.

Sempre più spesso i contenuti video vengono direttamente dal web, fruiti attraverso schermo del PC: il 69% del campione ha scaricato o guardato online almeno un video nell’ultimo mese e l’interesse per servizi che permettano di fare lo stesso anche fuori casa è crescente: il 12% del campione già guarda video e contenuti televisivi in mobilità, ed il 23% ha scelto proprio il video come tipo di contenuto di cui vorrebbe poter fruire più liberamente anche fuori casa.
E i costi per un servizio del genere? La media europea si aspetta che un servizio di Connected Life possa costare circa 8€ ma l’ 80% degli intervistati ha dichiarato che accetterebbe di partecipare a programmi di pubblicità mirata pur di ridurre il costo .
Il salotto tecnologico
Per cominciare a vivere una “connected life” il primo passo può essere creare una rete a casa propria per connettere fra loro sia i computer che altre apparecchiature: ascoltare la musica, giocare con la consolle, sfogliare l’album fotografico digitale di famiglia, trasmettere da stanza a stanza video e altri media sono attività che possono essere condivise e messe in rete grazie a specifici adattatori “wireless”. Sulla rete di casa si può telefonare con sistemi VoIP (Skype e simili) ma anche controllare cosa accade nei vari ambienti grazie a piccole telecamere IP. Tra i servizi di “nicchia” più gettonati dal campione il monitoraggio degli ambienti finalizzato alla sicurezza è tra i servizi con la più ampia disponibiltà alla spesa. Con una rete domestica di questo tipo, infine, ci si può connettere contemporaneamente da più computer e utilizzare tutti i servizi web che interessano utilizzando tutta la larghezza di banda disponibile. Ogni elemento della rete di casa includerà sistemi di sicurezza e firewall che proteggeranno dai rischi di intrusione e garantirà la sicurezza dei dati personali.

---- Per ulteriori informazioni sui prodotti Cisco per la Connected Life: http://www.cisco.com/web/consumer/index.html
---- Per informazioni su Cisco Internet Business Solution Group: http://www.cisco.com/web/about/ac79/index.html

#
Cisco
Cisco (NASDAQ:CSCO) è leader mondiale nella fornitura di soluzioni di rete che trasformano il modo con cui le persone comunicano e collaborano. Notizie e informazioni relative alla società e ai prodotti sono disponibili all’indirizzo http://www.cisco.com/it. Le apparecchiature di Cisco Systems sono fornite in Europa da Cisco Systems International BV, una consociata interamente controllata da Cisco Systems, Inc.
 

Autore: Caterina Ferrara
Link: http://www.cisco.com/it
News inserita in: Social Network
Pubblicato il: 18 marzo 2008


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter

Argomenti