Oggi è il 17 agosto 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Da marzo consulenti informatici,consulenti privacy e amministratori di sistema assicurati per i rischi privacy

Obiettivo raggiunto per i professionisti della privacy che desiderano porsi con la massima credibilità sul mercato, e godere di serenità nel rendere conto del proprio operato di fronte ai clienti: Da marzo sarà infatti possibile attivare la Polizza Privacy.
Con l'inasprimento delle sanzioni in materia di privacy, che comporta potenziali picchi fino a 300.000 euro, ma anche oltre, (Rif.Art.44 DL 207/2008), sia consulenti che clienti riscontrano sempre più la necessità di valutare il risk mamangement implicato nelle attività di gestione dei dati personali, compresa la probabilità dell' errore umano, sempre in agguato anche per i consulenti privacy più competenti ed organizzati. Infatti, chi svolge l’attività di consulente per la privacy, (classificata come “attività pericolosa” ai sensi dell'art.15 del Dlgs 196/2003 3 dell’art.2050 del Codice Civile), sa bene quanto possa valere il fatto di poter contare su una copertura assicurativa per tutelarsi dai rischi che si corre nello svolgimento del proprio lavoro, (basti pensare ai rischi informatici o giuridici), e di conseguenza quanto non valga la pena di rischiare che una citazione per danni possa mettere in ginocchio la propria attività e colpire il proprio patrimonio personale, oltre che 'bruciare' in un colpo solo gli anni occorsi per costruirsi una immagine professionale e credibile sul mercato.
Ne possono beneficiare tutti i professionisti che operano nel settore privacy, (consulenti privacy, consulenti informatici, amministratori di sistema e responsabili del trattamento in outsourcing,etc.), i quali potranno attivare la polizza Responsabilità Civile Privacy, che copre tutti i rischi professionali che gravano potenzialmente per chi presta attività di consulenza privacy, o che comunque nella propria attività gestisce dati personali per conto di terzi.
Il raggiungimento di questo obiettivo, che è stato ottenuto attraverso la sottoscrizione collettiva indetta internamente da Federprivacy tra i propri iscritti, rappresenta senza dubbio un ulteriore elemento di pregio per l'Associazione, e significa maggiore tranquillità sia per il consulente per che lo stesso cliente.
 

Autore: nicola bernardi
Link: http://www.federprivacy.it
News inserita in: Fisco e Leggi
Pubblicato il: 24 febbraio 2010


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter