Oggi è il 25 febbraio 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Expedia.it: Numero uno in Italia per le prenotazioni di hotel online

I risultati finanziari sono in crescita vertiginosa
Expedia.it il numero uno in Italia nella prenotazione degli hotel online continua a registrare record di crescita nel nostro paese, stando al passo con i record vertiginosi del gruppo Expedia Inc. di cui fa parte. I dati parlano chiaro: il gruppo, presente in USA, Canada, Inghilterra, Germania, Francia, Olanda e Italia, ha registrato un nuovo record di crescita nel primo trimestre del 2003 con un giro d’affari pari a 1,8 miliardi di dollari e un utile ante imposte di 59 milioni di dollari, rispettivamente pari ad una crescita del 63% e dell’80% rispetto allo stesso trimestre del 2002. La crescita vertiginosa é fortemente influenzata dalla politica strategica di reinvestimento degli utili adottata a livello mondiale e che si è dimostrata ampiamente vincente: Expedia è il solo tra le major a registrare in Europa un utile costante trimestre dopo trimestre. Il gruppo ha annunciato per il primo trimestre 2003 un utile netto di 26,9 milioni di dollari, quadruplicando il risultato dello stesso periodo di un anno fa pari a 6,6 milioni di dollari. Un risultato di tutto rispetto se si considera l’impatto negativo dovuto alla guerra in Iraq. Per quanto riguarda l’Italia non ci sono dubbi: Expedia.it sta registrando tassi di crescita del 400% mese su mese rispetto al 2002 e i motivi sono tangibili. Il numero di hotel proposti a “Tariffe Speciali Expedia” si sono quadruplicati nel giro di un anno e mezzo, passando dai 2.300 ai 9.000 attuali. Ma cos’è una “Tariffa Speciale Expedia”? Si tratta dei prezzi delle camere di albergo che vengono contrattate direttamente dall’area commerciale di Expedia. Ciò vuol dire che Expedia compra un certo numero di notti in determinati hotel e riversa il vantaggio di costo direttamente sul cliente finale. Il risparmio per l’utente è così garantito. L’offerta complessiva è di oltre 50.000 hotel i tutto il mondo, ciascuno corredato di ogni informazione sui servizi offerti e i dettagli fotografici e geografici della sistemazione. La prenotazione è immediata e avviene online tramite una piattaforma sicura o tramite il call center. “L’ampiezza dell’offerta, il facile utilizzo del sito e il risparmio per il cliente sono le tre chiavi del nostro successo” dichiara Adriano Meloni, Country Manager di Expedia Italia. L’attività è rafforzata da una mirata campagna pubblicitaria estiva. Expedia sarà presente sulle principali riviste italiane di viaggi e d’opinione, su Radio Montecarlo per tutto il mese di luglio e nei tre aeroporti milanesi di Linate, Malpensa e Orio al Serio. I più grandi nomi italiani del settore viaggi hanno già scelto di lavorare con Expedia. Tra questi spiccano la compagnia di bandiera Alitalia, Airone e Meridiana che mettono a disposizione degli utenti gli hotel Expedia tramite i loro siti. Expedia (Nasdaq: EXPE) ha iniziato la propria attività in Italia nel Settembre 2001, guidata da Adriano Meloni. Expedia Inc, la società capogruppo è stata fondata da Microsoft nel 1996. In seguito ad una strategia di espansione mirata nei mercati in crescita è arrivata in Europa nel 1998. Quotata al Nasdaq nel 1999, attualmente Expedia è presente in USA, Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania, Olanda e Italia. La crescita vertiginosa dovuta alla politica strategica di reinvestimento degli utili, la pone al primo posto della classifica delle compagnie di e-commerce mondiali, per un giro di affari pari a 1,8 miliardi di dollari generati nel primo trimestre 2003, con un utile ante imposte di 59 milioni di dollari. Expedia.it è il numero uno in Italia per prenotazioni di hotel.
 

Autore: Redazione FullPress
Link: http://www.expedia.it
News inserita in: e-Commerce
Pubblicato il: 17 luglio 2003


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter