Oggi è il 12 luglio 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Hard disk ibridi: tendenze e principali vantaggi

Oltre ai tradizionali hard disk ed alla tecnologia emergente dei dischi flash allo stato solido, sono disponibili in commercio anche hard disk “ibridi” , che combinano cioè dischi allo stato solido e hard disk. La società di analisi IDC prevede che gli hard disk ibridi saranno il 35 % di tutti gli hard disk commercializzati nel 2010.
Gli annunci recenti, come il lancio della versione dei nuovi MacBook Air con hard disk allo stato solido da 64 Gbyte, paiono aver messo la tecnologia degli SSD in competizione con quella degli hard disk. In realtà, all’interno di PC desktop e notebook, ci può essere spazio per entrambi. Infatti, sono disponibili in commercio anche hard disk “ibridi” , che combinano cioè dischi allo stato solido e hard disk. IDC prevede addirittura che gli hard disk ibridi saranno il 35 % di tutti gli hard disk commercializzati nel 2010.

Nel Marzo 2007 Samsung ha presentato il modello di hard disk magnetico MH80 ibrido da 2,5 pollici e capacità da 80, 120 e 160 Gbyte che integra un disco flash da 256 Mbyte con la funzione di cache. Anche Seagate ha avviato da Marzo la produzione degli hard disk ibridi Momentus per laptop da 2,5 pollici con capacità da 160 Gigabyte con una memoria flash con funzione di cache da 256 Mbyte.

Samsung, Seagate, Fujitsu, Hitachi, Toshiba e Western Digital hanno fondato all’inizio del 2007 la Hybrid Storage Alliance per promuovere la tecnologia.

I dischi ibridi offrono molti dei vantaggi degli SSD in termini di velocità, consumi e robustezza, a una frazione minima dei costi di questi ultimi. Sono in grado di offrire fino all’80 % delle prestazioni dei dischi allo stato solido, aggiungendo appena 10 dollari al costo degli hard disk.
Fonte della notizia: blog l'onda multimediale (link:

counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter