Oggi è il 14 dicembre 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

I moduli per applicazioni Sound and Vibration di National Instruments offrono 16 canali simultanei di acquisizione dati a 24-bit in un singolo slot PXI

Massima densità di canali per operazioni di misura simultanee
Milano – Grazie ai nuovi moduli di acquisizione dati ad alta precisione di National Instruments pensati specificamente per applicazioni di acustica e vibrazioni, ingegneri e progettisti ora possono facilmente realizzare complessi sistemi sincronizzati per applicazioni con un elevato numero di canali. .

I moduli DSA (Dynamic Signal Acquisition) PXI-4498 e PXI-4496 di National Instruments sono dotati di 16 input analogici simultanei a 24-bit e di sistemi di condizionamento del segnale IEPE a corrente costante, per effettuare misure precise con microfoni e accelerometri nei sistemi ad elevato numero di canali, per la definizione delle mappe di rumore, in applicazioni di beamforming e per le vibrazioni strutturali. NI PXI-4498 presenta quattro intervalli di tensione per gli ingressi analogici , mentre NI PXI-4496 ne ha due. Con 16 canali simultanei per singolo modulo PXI, i moduli DSA sono quelli con maggiore densità finora prodotti da National Instruments e possono essere utilizzati con uno chassis PXI a 18 slot per contenere 272 canali sincronizzati in un singolo chassis e più di 13.000 canali sincronizzati in un sistema PXI distribuito. I moduli raggiungono una frequenza massima di campionamento di 204,8 KS/s per canale e includono il supporto per sensori intelligenti TEDS al fine digarantire setup privi di errori.

I nuovi DSA funzionano con tutti i moduli PXI esistenti e si integrano con numerosi software tra cui l’ambiente di sviluppo grafico LabVIEW di National Instruments, LabVIEW SignalExpress, NI Sound and Vibration Measurement Suite e Sound and Vibration Assistant. I moduli includono il driver NI-DAQmx per una facile configurazione.

Alcune informazioni su PXI
PXI (PCI eXtensions for Instrumentation) è uno standard aperto gestito dalla PXI Systems Alliance (www.pxisa.org) che definisce una robusta piattaforma basata su CompactPCI per applicazioni di test, misura e controllo. Lo standard è supportato da oltre 70 aziende aderenti e sono disponibili oltre 1.200 prodotti compatibili. I prodotti PXI sono compatibili con gli standard per computer industriali CompactPCI e CompactPCI Express e offrono alcune funzionalità aggiuntive integrate come le specifiche ambientali estese, il software standard e le funzionalità di temporizzazione e sincronizzazione.



Informazioni su National Instruments
National Instruments (www.ni.com) sta rivoluzionando il modo in cui tecnici ed ingegneri possono progettare, prototipare e distribuire sistemi per la misura, l’automazione e le applicazioni embedded. National Instuments distribuisce software commerciale come l'ambiente di sviluppo grafico NI LabVIEW e hardware modulare a costi ridotti ad oltre 25.000 diverse società in tutto il mondo. Nessuno tra i clienti di National Instruments contribuisce per oltre il 3% e nessun mercato per più del 10% del fatturato complessivo, garantendo all’azienda grande stabilità e consistenza. La sede di NI si trova ad Austin, Texas, e l’azienda ha oltre 4000 dipendenti e filiali in 40 paesi. Nel corso degli ultimi otto anni, la rivista FORTUNE ha indicato NI come una delle 100 migliori aziende presso cui lavorare negli USA. National Instruments Italy è stata riconosciuta da Great Place to Work come una delle trentacinque migliori aziende presso cui lavorare in Italia per l’anno 2007.

Per ottenere informazioni su come investire in NI, è possibile inviare un messaggio di e-mail a nati@ni.com o visitare il sito www.ni.com/nati.
 

Autore: Lorena Ferrario
News inserita in: Varie
Pubblicato il: 07 novembre 2007


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter