Oggi è il 26 giugno 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

In aumento le vendite nella regione EMEA di Enterasys Networks

I nuovi clienti costituiscono il 18 percento del fatturato, che cresce del 5%
Enterasys Networks (NYSE: ETS), la Secure Networks Company, ha reso noto che le proprie soluzioni Secure Networks continuano a riscuotere successo nella regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), con un incremento di fatturato nel quarto trimestre del 2004, terminato il 1 gennaio scorso, del 5 percento rispetto al trimestre precedente. L’incremento si deve soprattutto ai nuovi clienti, che hanno contribuito al risultato per il 18 percento, tra i quali figurano, con contratti a sei zeri, importanti aziende quali LVM AG (società di servizi finanziari e assicurativi con sede in Germania), Auswaertiges Amt (l’ufficio stranieri tedesco), JVA Duben (ministero delle Finanze tedesco), Sieb & Meyer AG (società tedesca leader nell’elettronica industriale), CEGEDIM (leader europeo nell’informazione farmaceutica e CRM in Francia), Rehacenter (struttura di riabilitazione medica in Lussemburgo) e Canal 4-TV Balears (emittente televisa spagnola). “L’EMEA è un mercato molto importante ed ha prodotto oltre un terzo del nostro fatturato globale del quarto trimestre.”– ha affermato Mark Aslett, CEO di Enterasys Networks. –“Da quando abbiamo lanciato le Secure Networks, la nostra unica capacità di fornire potenti prestazioni unite alla migliore sicurezza di rete è stata riconosciuta dalla imprese. Le vendite a nuovi clienti continuano a crescere stabilmente, raggiungendo il 17 percento del fatturato a livello mondiale e il 18 percento nella regione EMEA.”
 

Autore: Redazione FullPress
News inserita in: Varie
Pubblicato il: 04 marzo 2005


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter