Oggi è il 06 aprile 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Infogroup e Infracom IT: accordo per la previdenza complementare

Dalla collaborazione tra le due realtà nasce eBaas Previdenza, soluzione per la gestione completa della previdenza integrativa in linea con la nuova riforma previdenziale
Infogroup e Infracom IT, due importanti società del settore ICT, con forti specializzazioni nello sviluppo di applicativi per la Bancassicurazione e la gestione fondi, hanno stipulato un accordo per rendere disponibile eBAAS Previdenza, modulo della Suite Previdenza per la gestione completa della previdenza integrativa e di tutte le relative problematiche previste dalla Finanziaria 2007. eBAAS Previdenza nasce dall’integrazione della soluzione WL-Bank di Infracom IT con le funzionalità presenti nella suite di bancassurance eBAAS di Infogroup, che gestisce i rami vita e danni. Con l’obiettivo di facilitare i soggetti istituzionali nella raccolta delle adesioni ai Fondi Pensione, eBAAS Previdenza è destinato alle banche, alle assicurazioni e a tutte le istituzioni finanziarie coinvolte nel processo di raccolta del TFR maturando dei lavoratori che nel corso del primo semestre 2007 dovranno decidere sulla sua destinazione. Integrato ai moduli check-up previdenziale e progetto esemplificativo della Suite Previdenza, eBAAS Previdenza gestisce l’adesione al fondo e il portafoglio e permette di consultare le posizioni degli aderenti tramite portale (adesione collettiva e individuale). La sua architettura è basata sul modello three tier composto da un front-end web con cui l’applicazione si presenta all’utente, da un nucleo centrale, su mainframe, che accoglie al suo interno la business logic dell’applicazione stessa e dalla gestione della base dati, depositaria di tutte le informazioni utili alle operazioni di adesione e gestione del portafoglio clienti. eBAAS Previdenza è multi-istituto, multi-prodotto, multi-società, multi-linea e multi-canale, perché offre la possibilità di distribuire il versamento su più fondi o più linee di investimento, distinguendo la quota versata per tipologia di contribuzione. La soluzione include un’articolata serie di funzioni che assicurano alla Banca il colloquio e l’interazione con le società di gestione dei fondi comuni; inoltre per facilitare il rapporto con le Aziende, la soluzione prevede anche un front-end loro dedicato, per l’inserimento delle adesioni e la successiva consultazione delle posizioni. La struttura che ne risulta permette sia alla Banca che all’Azienda di avere in qualsiasi istante il quadro di riferimento previdenziale dei propri clienti/dipendenti e di ricoprire, nel caso della Banca, un ruolo privilegiato nel rapporto fra Azienda e lavoratore. “Il prodotto nato dalla partnership fra Infogroup e Infracom IT – commenta Giampaolo Moscati Direttore Generale di Infogroup – permette agli Istituti di Credito di sfruttare appieno le opportunità offerte dall’ultima finanziaria per il collocamento dei fondi previdenziali aperti. La soluzione copre infatti tutto il processo consulenziale-gestionale in carico alla banca, partendo dal check-up previdenziale per arrivare all’emissione e gestire tutto il ciclo di post-vendita”. “La collaborazione con Infogroup – afferma Alessandro Patrizi, Amministratore Delegato di Infracom IT – rafforza ulteriormente l’offerta di soluzioni complete di Infracom per il mondo Finance. L’unione delle competenze e degli asset delle due Aziende copre il ciclo completo di vita dei processi specifici in area collocamento fondi previdenziali, in linea con la nostra mission di offrire al mercato delle istituzioni finanziarie soluzioni e servizi completi”.
 

Autore: Desirée Brambilla
Link: http://www.infracom.it
News inserita in: Partnership
Pubblicato il: 21 febbraio 2007


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter

Argomenti