Oggi è il 27 novembre 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Panda Security - Il 90,92% delle email ricevute in azienda è spam

L’analisi, effettuata su un campione di 69 milioni, si riferisce al primo trimestre del 2009 ed ha rilevato un aumento rispetto allo scorso anno.
Meno del 7% di messaggi di posta ricevuti dalle azienda nel primo trimestre del 2009 rappresenta corrispondenza legittima. Il 90,92% è spam, mentre le email contenenti malware ammontano all’1,66%. Questi dati sono stati raccolti dall’analisi effettuata da TrustLayer Mail, il servizio per la gestione della sicurezza della posta elettronica aziendale di Panda Security, su un campione di 69 milioni di messaggi di posta ricevuti nei primi tre mesi dell’anno.

La quantità di spam rilevata tra gennaio e marzo 2009 è aumentata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nel quale il totale rappresentava l’89,88% delle email ricevute. Relativamente alle diverse tipologie di spam, le mail spazzatura che si riferiscono a finte offerte di lavoro hanno subito un incremento, forse dovuto alla crisi economica in corso.

Luis Corrons, direttore tecnico dei laboratori di Panda Security afferma “i cyber criminali stanno sfruttando la situazione disperata di coloro in cerca di occupazione per offrire lavori allettanti. Lo scopo reale è di reclutare money-mule, cioè, ad esempio, convincere gli utenti a riciclare denaro sporco utilizzando i propri conti bancari.”

Gli Stati Uniti continuano ad essere la fonte primaria di spam con l’11,61%, seguiti dal Brasile (11,5%) e dalla Romania (5,8%).

Molti di questi messaggi spam sono stati diffusi attraverso reti di computer zombie, meglio conosciute come botnet. Si tratta di Pc colpiti da bot, che permettono agli hacker di controllare il sistema in remoto per svolgere attività pericolose, spesso attraverso l’invio di spam. Quando numerosi computer sono sfruttati all’unisono, si crea una rete di bot o botnet. Nel primo trimestre 2009, ogni giorno, circa 302.000 Pc sono stati infettati e trasformati in zombie.

Continua Corrons “la ragione di questa attività frenetica è dovuta alla breve vita di questi attacchi, in quanto autorità, ISP e gli stessi utenti, si accorgono rapidamente che il loro sistema è utilizzato in modo fraudolento”.

Per maggiori informazioni: http://www.pandasecurity.com/spain/homeusers/security-info/tools/reports/


Panda Software Italia

Panda Software Italia (http://www.pandasecurity.com), fondata nel 1997 e facente parte del Gruppo Peruzzo Multimedia Company, è un'azienda focalizzata nelle soluzioni software antivirus e content security. Country Partner della multinazionale Panda Security International propone soluzioni altamente tecnologiche per tutte le tipologie di clienti. Dall'utente domestico alla grande azienda, le soluzioni sono scalabili ed utilizzabili su LAN/WAN di qualsiasi dimensione. Dal maggio 2005 Panda Security è partner dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori.

Panda Security International

Panda Security (www.pandasecurity.com) è una multinazionale europea leader nello sviluppo e nella commercializzazione di soluzioni di sicurezza integrata per combattere virus, hacker, Trojan, spyware, phiihing, spam e tutte le altre minacce provenienti da Internet. Con le rivoluzionarie Tecnologie Truprevent™ e con il nuovo approccio dell’Intelligenza Collettiva i prodotti di Panda Security offrono un eccezionale ritorno sull’investimento, mantenendo i clienti protetti anche da malware sconosciuto e latente. PandaLabs, tra i laboratori più rapidi nel forniore aggiornamenti completi, offrono una risposta al malware a livello mondiale, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. Le soluzioni di sicurezza di Panda Security, gestite centralmente, proteggono server, gateway e tutti i punti di accesso alle reti assicurando una linea efficiente ed effettiva di difesa contro le minacce di Internet per aziende di qualsiasi dimensione.
 

Autore: Zoe Perna
News inserita in: Sicurezza e virus
Pubblicato il: 24 aprile 2009


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter