Oggi è il 05 giugno 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Pharma Tracing: tracciabilità del farmaco lungo tutta la filiera

La nuova soluzione sviluppata da Revorg in applicazione della normativa senza incidere sul gestionale centrale.
Milano – Pharma Tracing è la soluzione messa a punto da Revorg per la tracciabilità del farmaco, che permette la gestione, il caricamento e la trasmissione dei bollini. La nuova normativa sulla tracciabilità del farmaco lungo tutta la filiera (D.M. del 15 luglio 2004) prevede l’istituzione presso l’agenzia italiana del farmaco di una banca dati centrale, con il compito di monitorare le confezioni dei medicinali all’interno del sistema distributivo. Alla banca dati centrale dovranno confluire tutti i dati relativi alla fornitura dei bollini numerati, ovvero ai movimenti delle singole confezioni, al valore delle forniture e ai relativi consumi dei prodotti medicinali. Il decreto ha stabilito una prima fase, con inizio il 30 giugno 2005, di avviamento del sistema di raccolta periodica dei dati di uscita delle confezioni da parte delle aziende farmaceutiche, dei grossisti e dei depositi. La fase entrerà a regime nel corso di un paio di anni, durante i quali verrà data piena attuazione al decreto e verrà resa obbligatoria la tracciabilità dell’intero percorso della singola confezione, attraverso l’integrazione dei sistemi informativi di tutti gli operatori della filiera. Obiettivo finale della normativa è quello di monitorare la spesa sanitaria in Italia e permettere valutazioni ed elaborazioni ad ampio spettro sui dati. Ciò grazie a sistemi di business intelligence che tracciano il percorso compiuto dal farmaco e che si integrano con il nuovo sistema informativo sanitario (NSIS). Il sistema in particolare permetterà agli organi preposti di analizzare le dinamiche di spesa, di consumo, d’uso e di prescrizione, prevenendo e contrastando anche le eventuali frodi nel commercio del farmaco. Nella prima fase le società farmaceutiche, i grossisti e i depositi fanno richiesta alla Zecca di Stato di un certo numero di bollini da applicare sui farmaci. Dopodichè la Zecca invia i bollini e, nelle successive 24 ore, invia alla banca dati centrale uno o più file contenenti le informazioni relative ai bollini spediti, ossia la data di spedizione, il lotto e i numeri progressivi dei bollini. Ogni attore della catena distributiva deve comunicare alla banca dati centrale, entro 24 ore, tutti i movimenti in uscita (vendita o smaltimento) delle confezioni bollinate indicando il destinatario, il codice AIC identificativo del farmaco lungo tutta la filiera e la quantità uscita. Nel caso in cui il destinatario sia una struttura accreditata presso il sistema sanitario nazionale deve essere comunicata la data e l’ora della bolla di spedizione. Il valore della spedizione deve essere comunicato mensilmente. Quando poi il sistema andrà a regime ogni attore della catena distributiva dovrà comunicare tutte le informazioni riguardanti il codice del lotto di produzione, il codice del lotto del bollino e il numero del bollino. Lo storico relativo a tutti i dati di spedizione dovrà essere mantenuto per 3 mesi. Oltre alla gestione dei dati in entrata e in uscita, è richiesto anche il controllo delle informazioni riguardanti gli sfridi di produzione che devono essere comunicati mensilmente. Nella prima fase sarà sufficiente indicare la quantità dei bollini distrutti distinti per lotto di produzione delle confezioni medicinali. A regime andrà comunicato anche il numero di bollino, il lotto di produzione e il codice AIC. Pharma Tracing, il sistema di tracciabilità sviluppato da Revorg, si inserisce a pieno nella nuova disciplina permettendo di monitorare tutti i flussi del farmaco. E’ un sistema aperto, integrabile con qualsiasi sistema gestionale presente in azienda e funge da collettore di tutti i dati provenienti da fonti esterne. E’ particolarmente indicato per tutte quelle multinazionali farmaceutiche operanti in Italia che dovendosi adeguare alla nuova normativa, non vogliono modificare il sistema gestionale centrale. La soluzione sviluppata da Revorg opera infatti come un traduttore, decifrando i codici interni all’azienda e trasformandoli nei codici richiesti dalla normativa sulla tracciabilità del farmaco. *************** Da trenta anni Revorg progetta e implementa soluzioni gestionali per il settore farmaceutico, cosmetico, meccanico, elettronico, tessile, manifatturiero e alimentare ed è un punto di riferimento per molte piccole e medie aziende italiane. Con un fatturato di circa 3.5 milioni di Euro e una struttura flessibile e dinamica, Revorg offre prodotti standard e soluzioni personalizzate per qualsiasi esigenza aziendale. Nel corso del tempo, l’azienda ha realizzato con successo numerose soluzioni software per sistemi aperti, sfruttando la profonda esperienza acquisita in molti anni di partnership con IBM per lo sviluppo su piattaforma eServer iSeries. Il presente è connotato da un sistema informativo esteso nel quale è stata creata una forte interazione tra il mondo TLC e Business Intelligence con quello più consolidato dell’ERP per meglio rispondere alle rinnovate esigenze aziendali che vedono nella velocità di interconnessione tra informazioni, prodotti/servizi e ambiente esterno, un fattore critico di successo. Per informazioni alla stampa: Alessandra Villa Revorg, Media Relations - Tel.: 02/5099171 - Fax: 02/ 50991755 - e-mail: sandra.villa@revorg.it
 

Autore: Redazione FullPress
News inserita in: Business intelligence
Pubblicato il: 19 maggio 2005


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter