Oggi è il 28 giugno 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Polycom chiude il terzo trimestre 2010 una crescita record in termini di ricavi pari a 308 milioni di dollari

L’azienda conferma il trend positivo in atto, con una crescita dei ricavi del 27% anno su anno.

Polycom, leader mondiale nel settore delle unified communications, ha annunciato i risultati finanziari del terzo trimestre, chiuso al 30 settembre 2010. L’azienda ha registrato un record in termini di ricavi netti consolidati pari a 308 milioni di dollari, contro i 243 milioni dello stesso periodo del 2009. I primi nove mesi del 2010 si sono chiusi con ricavi netti pari a 879 milioni di dollari, contro 699 milioni di dollari dei primi nove mesi del 2009.
Analizzando i risultati dal punto di vista delle linee di prodotto, i ricavi netti derivano per il 52%, pari a 160 milioni di dollari, dai sistemi di comunicazione video, per il 33%, per un valore di 102 milioni di dollari, dai sistemi di comunicazione audio e per il 15%, pari a 46 milioni di dollari, dai sistemi di rete. I risultati del terzo trimestre del 2009 erano invece stati di 130 milioni di dollari per i sistemi di comunicazione video, pari al 53%, 78 milioni di dollari per i sistemi di comunicazione audio, pari al 32% e 35 milioni di dollari per i sistemi di rete, pari al 15%.

Andy Miller, presidente e CEO di Polycom, commenta: “Q3 è stato un trimestre di conferme per il business di Polycom, che ha validato ulteriormente le tempistiche e la precisione della nostra strategia di go-to-market e confermato il ruolo centrale dell’azienda quale partner ideale nell’ecosistema delle UC. Siamo stati in grado di generare una crescita decisa dei ricavi nell’ambito dei sistemi di rete, trainata innanzitutto dal lancio del Polycom UC Intelligent Core e facendo leva sia sulla nostra infrastruttura – la migliore sul mercato – che sul nostro efficientissimo motore di vendita. Questi successi legati al nostro core business non hanno solamente contribuito a farci raggiungere un livello record in termini di profitti, ma – più importante – sono di buon auspicio per lo sviluppo della nostra soluzione di collaborazione presso una base clienti creascente. Inoltre, abbiamo registrato guadagni significativi grazie alla nostra strategia Polycom Open Collaboration Network, che è stata fortemente segnata dalla collaborazione strategica con Microsoft, mediante la quale stiamo cercando di sviluppare e di lanciare sul mercato in maniera congiunta una soluzione di unified communication che possa influenzare la domanda dei server Microsoft Lync UC di prossima generazione”.

“Guardando al quarto trimestre di quest’anno e al 2011, crediamo che Polycom sia posizionata in maniera unica per sfruttare appieno il trend emergente in termini di adozione delle UC all’interno delle grandi aziende, del settore pubblico, dei service provider, delle PMI e infine anche delle abitazioni. Per gestire nella maniera più efficiente questa domanda abbiamo reclutato i migliori executive del mercato provenienti da aziende leader di settore per attuare la strategia che abbiamo avviato ormai un anno fa. Grazie alle innovazioni tecnologiche uniche che abbiamo apportato alle nostre soluzioni, alle partnership strategiche che abbiamo stretto e alle nostre capacità di go-to-market focalizzate sul consumatore, siamo stati in grado di guadagnare quote di mercato e, ancora più importante, spingere ad un livello senza precedenti l’adozione da parte degli utenti. Il piano di investimenti strategici sta funzionando, i nostri margini sono in crescita e siamo pronti per procedere con il prossimo passo per il nostro business” ha concluso Miller.

 

Autore: Ornella Fazio
News inserita in: Finanza
Pubblicato il: 27 ottobre 2010


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non č responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter