Oggi è il 26 giugno 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Radware Ltd. annuncia i risultati del 4° trimestre 2010

Ricavi record del trimestre: $39.1milioni. Utile operativo record, non-GAAP: $5.8 milioni. Utile record per azione non-GAAP: $0.29. Record ricavi annuali : $144.1 milioni.

I ricavi totali per l’esercizio 2010 ammontano a $144.1 milioni, con un aumento del 32% rispetto ai ricavi 2009, che erano stati pari a $108.9 milioni.
Su base GAAP l’utile netto del 4° trimestre 2010 è stato di  $3.9 milioni ($0,17 per azione), a fronte di un utile netto di $3.7milioni ($0.17 per azione) del terzo trimestre 2010, e di $1.7 milioni ($0.09 per azione) nel quarto trimestre 2009.
Su base Non-GAAP, il reddito netto del periodo ammonta a $6.6 milioni ($0.29 per azione), contro un reddito netto di  $5.6 milioni ($0.26 per azione)  nel terzo trimestre 2010, e di $4.0 milioni ($0.21) nel quarto trimestre 2009.
L’utile netto GAAP dell’esercizio è pari a $9.6 milioni ( $0.44 per azione) , a fronte di una perdita netta di $5.9 milioni ($0.31 per azione) nel 2009.
Su base Non-GAAP, l’utile del 2010 ammonta a $20.1 milioni ($0.92 per azione), a fronte di $4.6 milioni ($0.24 per azione) nel 2009.
Alla fine del quarto trimestre 2010 il cash flow complessivo della società (circolante, depositi bancari a breve e lungo termine, titoli negoziabili) ammontava a $178.8 milioni, che rappresenta un incremento della situazione cash dell’azienda di circa $6.5 milioni nel quarto trimestre, e di $52.7 milioni negli ultimi 12 mesi.
“Consideriamo il nostro ruolo leader nel settore della virtualizzazione dell’application delivery layer un catalizzatore in termini di una robusta quota di mercato e di crescita dei ricavi, e siamo particolarmente lieti di constatare che già nel quarto trimestre  l’architettura VADI appena introdotta ha portato un contributo significativo”, ha dichiarato Roy Zisapel, Presidente e CEO di Radware. “Inoltre, il notevole successo che un importante cliente ha ottenuto grazie ai nostri prodotti specifici per l’attack mitigation, e la costante penetrazione nel mercato dei service provider nel corso del 4° trimestre hanno dato un notevole apporto all’aumento degli utili e della quota di mercato. Confidiamo che questo trend continui anche nel 2011 con risultati ancora più positivi.”

Nel corso del quarto trimestre 2010, sono state annunciate numerose novità:

  • Radware accelera le applicazioni grazie alla nuova versione Alteon
  • La LifeWay Christian Resources si avvale dei servizi di application delivery di Radware per supportare le reti di e-Commerce e corporate, in costante e rapida crescita
  • NSS Labs ‘raccomanda’ DefensePro per l’efficace azione di Attack Mitigation
  • Radware mette a punto un modello ‘best practice’ multicanale per affari sicuri durante il Cyber Monday
  • Radware potenzia APSolute Attack Prevention per combattere le frodi online
  • Radware nuovamente ‘eccellente’ per INTERNET TELEPHONY 2010
  • Gli Application Delivery Controllers portano Radware nel Leaders Quadrant di Gartner Magic Quadrant
  • Radware lancia il programma Smart Choice per i partner
  • SK Group sceglie la piattaforma Radware per l’unified communication di prossima generazione.

Il management della Società ha tenuto oggi una conference call con gli investitori e gli analisti per commentare i risultati finanziari del trimestre chiuso al 31 dicembre 2010 ed altri aspetti del business aziendale. La conferenza è accessibile via Internet in modalità di solo ascolto collegandosi al link http://www.radware.com/Company/InvestorRelations/default.aspx e resterà disponibile per i prossimi 30 giorni.

Roy Zisape, President e CEO di Radware

Roy Zisape, President e CEO di Radware

 

Autore: franca castellini bendoni
Link: http://www.gorlacommunication.com
News inserita in: Finanza
Pubblicato il: 03 febbraio 2011


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter