Oggi è il 06 giugno 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Recupero Dati Sistemi Raid

Nel momento in cui i files sono diventati più importanti e più capienti si sono sviluppate tecnologie all'avanguardia per soddisfare le richieste dei più esigenti. Le aziende hanno cominciato a dotarsi di server RAID, più sicuri e veloci. E' vero, con questi sistemi è davvero difficile perdere l'accesso ai propri file, ma non è improbabile.
La tecnologia dei sistemi Raid (Redundant Array of Inexpensive Disks e' stata sviluppata da IBM negli anni '80, allora era possibile acquistare solo due tipi di dischi fissi, uno a basso costo e basse prestazioni, utilizzato da tutti i PC comuni, ed un tipo molto costoso con prestazioni molto elevate, utilizzato solamente nei sistemi video digitali, o nei mainframe. Ovviamente i dischi per PC avevano un mercato più ampio, quindi i costi scendevano di conseguenza. Comunque con la tecnologia RAID e' possibile creare un array di dischi a basso costo che appaiono logicamente come un disco i grandi dimensioni, connettendo un insieme di dischi che lavorano in parallelo e sono connessi ad un controller RAID. Questo sistema può essere configurato per fornire caratteristiche diverse, come un alto tasso di trasferimento dati (ad esempio un sistema composto da 4 dischi può avere un throughput pari a 4 volte quello di un singolo disco). Il sistema di un RAID array offre una stabilità e un'affidabilità superiore a quelle ottenibili con qualsiasi hard disk. I dati sono infatti distribuiti nei diversi dischi che compongono il RAID. Un sistema di ridondanza, poi, permette al software del RAID di ricostituire il 'volume', cioè il disco virtuale che contiene l'intero file system, anche in caso di 'caduta' di uno dei dischi.

Ma anche ciò non esclude che, in casi particolari, possa capitare di ritrovarsi con un RAID guasto.
Per rimediare a un RAID non accessibile occorre evitare assolutamente di intervenire per tentare di ripristinare una parità che non combacia più: un intervento a basso livello non farebbe che complicare il problema, rendendo più difficile il recupero del RAID. Occorre invece tentare di ricostituire il volume, riallineando le strisce distribuite sui vari dischi e correggendole se necessario.
L'operazione è piuttosto complessa, perché presuppone la conoscenza della distribuzione precisa delle strisce dall'inizio alla fine del volume, perciò è consigliabile affidarsi ad una società di recupero dati specializzata in RAID.

RD data Rescue offre la massima garanzia nel ripristino dei file e dati presenti sui sistemi RAID quando questi non sono più accessibili a causa di problemi elettronici o meccanici; ottenendo oltre il 90% di successo nel recupero dei dati.

Per richiesta intervento online vai sul nostro sito o chiama il n°Verde 800 031 677.
 

Autore: Mary Casarini
Link: http://www.rddatarescue.it/recuperodati_raidrecovery.html
News inserita in: Hardware
Pubblicato il: 17 marzo 2009


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter