Oggi è il 23 giugno 2018
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Rittal tra i Top Employers 2010: attenzione alle persone e alla gestione dei talenti

Lunedì 22 marzo scorso Rittal ha ricevuto il premio “Top Employer” 2010, classificandosi tra le prime 25 aziende italiane leader nella gestione del talento - unica rappresentante del mondo dell’automazione industriale - in base all’analisi annuale del CRF Institute.
La selezione delle aziende Top Employers è realizzata da un pool di esperti indipendenti che, basandosi su questionari e interviste, analizzano le diverse realtà industriali italiane per identificare i casi di eccellenza nella gestione e valorizzazione delle risorse umane, provvedendo a stilare una classifica delle aziende sulla base di 5 paramentri principali: Retribuzione e Benefits, Formazione e Sviluppo, Opportunità di Carriera, Condizioni di Lavoro e Cultura Aziendale.
Le condizioni di lavoro rappresentano il parametro in cui si è maggiormente distinta Rittal che viene descritta come “Una multinazionale a misura d’uomo, con una proprietà molto presente ed efficiente, dove il rispetto, il rigore e la correttezza, anche formale, sono valori primari e radicati e dove l’attenzione verso la persona e il suo essere si respira a 360° e si estende fino alle piccole cose”.
L’importanza dell’attenzione verso le persone è testimoniata anche dalla scelta dell’AD Marco Villa di seguire personalmente la gestione delle risorse umane, perché «La motivazione è alla base del successo. È una sintesi di molteplici fattori, se non si presta ascolto, se non ci si ferma a parlare, se non si chiede il perché e non ci si sforza di capire, se, insomma, non si dà attenzione vera…beh, allora è difficile costruire qualcosa».
 

Autore: Antonella Galimberti
Link: http://www.rittal.it
News inserita in: Lavoro
Pubblicato il: 31 marzo 2010


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter