Oggi è il 26 giugno 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Riverbed garantisce livelli ancora più elevati di monitoraggio sulle reti aziendali

Con le nuove versioni RiOS 6.5 e Cascade 9.0 la visibilità arriva anche a livello di top management e la QoS è sempre più ritagliata sulle esigenze di business per tutti i tipi di applicazioni e di traffico.

Riverbed Technology, la IT performance company, ha potenziato le proprie soluzioni Riverbed Optimization System (RiOS) e Cascade, che forniscono alle aziende con presenza in tutto il mondo una visibilità e un controllo di livello business per tutti i tipi di traffico e di applicazioni. Oggi che le reti aziendali sono sempre più asset fondamentali per il business, non solo servono migliori prestazioni applicative, ma anche la capacità di comprendere come le risorse IT vengono utilizzate per poterle allocare nel contesto più indicato. Con la nuova release Cascade 9.0, grazie alle capacità avanzate di analisi e visibilità delle performance di rete e delle applicazioni, e la versione RiOS 6.5, che potenzia le soluzioni di WAN optimization, Riverbed è in grado di fornire una vasta gamma di funzionalità che aumentano la visibilità dal network engineer al top management e garantiscono la possibilità di allocare le risorse in base alle esigenze di business. 

"Alla luce del numero sempre crescente di applicazioni e di servizi distribuiti sulla rete, le aziende necessitano di una migliore consapevolezza delle prestazioni applicative per adottare decisioni IT intelligenti che favoriscano gli obiettivi di business", spiega Joe Skorupa, research vice president di Gartner. "Solide capacità di gestione del traffico, quali la classificazione e l’implementazione della QoS, sono necessarie per dare priorità al traffico critico e fornire servizi essenziali a supporto del business." 

Le aziende con presenza in tutto il mondo si affidano alla rete per fornire applicazioni e servizi ai loro dipendenti, a prescindere dalla loro ubicazione. Tuttavia, la complessità e le richieste di risorse sollecitano la rete e rendono il monitoraggio difficile. Inoltre, le applicazioni che richiedono ampia banda e che sono sensibili alla latenza, come il video, il VoIP e le infrastrutture di Virtual Desktop (Virtual Desktop Infrastructure, VDI) lo rendono indispensabile per garantire che le risorse necessarie siano state adeguatamente allocate per le applicazioni business-critical. Con Cascade 9.0 e RiOS 6.5, Riverbed supporterà le aziende con soluzioni semplici di utilizzare che garantiscono di avere maggiore visibilità delle applicazioni e dei servizi e di comprenderne le prestazioni, insieme al controllo delle performance applicative sulla rete. Le soluzioni Riverbed sono in grado di fornire visibilità e controllo di tutte le tipologie di traffico e applicazioni (per esempio, voce, video, software collaborativi, email, database, TCP e UDP) da qualsiasi sito verso un altro. Per consentire alle aziende di comprendere e gestire facilmente i propri ambienti IT, Riverbed introduce anche nuove funzionalità di monitoraggio e reportistica sugli SLA (i Service Level Agreement) e una rinnovata applicazione della QoS (Quality of Service) per garantire livelli senza precedenti di visibilità, controllo e ottimizzazione che si adattano in modo dinamico a qualsiasi ambiente IT.

Privilegiare le priorità del business risolvendo le sfide legate alle performance

Per supportare le aziende a comprendere al meglio le proprie performance IT, Cascade 9.0 fornisce ai clienti una dettagliata classificazione del traffico, che comprende la conoscenza avanzata di tipo Layer 7 e una visione unificata delle applicazioni e dei servizi. Una nuovo cruscotto garantisce un quadro complessivo dello stato delle applicazioni e dei servizi critici, con la possibilità di esaminare in profondità a livello di luogo, applicazione e utente per un migliorato monitoraggio. Il nuovo Service Discovery Wizard snellisce il processo di discovery di un servizio multi tier e di configurazione del monitoraggio e del cruscotto. In questo modo, le aziende possono disporre di una soluzione di controllo end-to-end che aiuta a comprendere le interdipendenze tra le differenti componenti della rete e localizzare la causa di un problema alle perfomance. Inoltre, nuove capacità di reportistica sul servizio forniscono report di business che possono tracciare un andamento storico dei livelli di performance anche su un lungo arco di tempo, in modo da supportare il top management nelle decisioni utili sulla localizzazione delle risorse di rete.

Controllo potenziato per ottimizzare sempre più le performance IT

La prioritizzazione e l’ottimizzazione del traffico di rete sono diventate un interesse crescente per le organizzazioni IT di tutto il mondo. Per rispondere a queste necessità, Riverbed ha introdotto un controllo potenziato che permette di affinare al massimo le performance IT. Grazie a RiOS 6.5, le aziende possono ricorrere a una sola appliance per garantire soluzioni di WAN optimization e gestire in modo semplice le capacità di QoS, a costi contenuti.

RiOS 6.5 possiede molteplici nuove caratteristiche in grado di fornire capacità avanzate di QoS, come:

  • Riverbed AppFlow Classification Engine: con la crescita delle applicazioni basate su web e ricche in termini di contenuti, i metodi tradizionali di classificazione basati sul protocollo o sulle porte non sono più sufficienti. Per garantire la visibilità più accurata, efficiente e flessibile delle applicazioni di questo tipo di traffico, un nuovo motore di classificazione utilizza tecniche multiple, che comprendono il controllo delle firme applicative, la dissezione del protocollo e l’analisi comportamentale.
  • QoS a prova di latenza: le applicazioni devono avere una priorità e una quantità di banda allocata in base alla loro sensibilità alla latenza. Riunire VoIP, applicazioni sensibili alla latenza, file sharing e applicazioni tolleranti alla latenza nella stessa categoria non garantisce un controllo adeguato per ottenere prestazioni affidabili per tutte le applicazioni. Le aziende saranno in grado di beneficiare di un’innovativa e avanzata tecnica di programmazione di QoS, basata sull’algoritmo Hierarchical Fair Service Curves (HFSC) per ottenere un’accurata classificazione, allocare il minimo e il massimo della banda e la capacità di dare priorità alle applicazioni, analizzando la loro sensibilità alla latenza.
  • Gestione scalabile basata su modelli: le aziende devono implementare, utilizzare e gestire la QoS senza sforzi per garantire risposte tempestive alle richieste di business. Questa nuova funzionalità semplifica il processo di fornitura di QoS in tre semplici passaggi, sfruttando la Riverbed Central Management Console (CMC), una interfaccia Web unificata che permette di configurare, monitorare, effettuare report e aggiornamenti di gruppi di appliance Steelhead.  

“Le aziende, al loro interno o nella cloud, si affidano sempre più alle applicazioni in tempo reale, interattive e ricche di contenuti: una gestione efficiente delle risorse di rete sta diventando quindi un’esigenza sempre più importante. Grazie a queste soluzioni, Riverbed introduce funzionalità che supportano le aziende a monitorare e controllare le loro WAN in modo più efficace”, spiega Apurva Davé, vice president of product marketing di Riverbed. “Questo permette alle aziende di estendere la visibilità anche al top management e dare priorità a tutte le tipologie di traffico e applicazioni, basandosi sulle esigenze di business delle loro filiali connesse in tutto il mondo”.

RiOS 6.5 e Cascade 9.0 sono disponibili nel corso di questo trimestre.

 

Autore: Grandangolo Communications
News inserita in: Nuove tecnologie
Pubblicato il: 09 febbraio 2011


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non Ŕ responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter