Oggi è il 07 aprile 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

TGCOM e Gossip News: plagio e concorrenza sleale?

Anche un noto e serio portale giornalistico come TGCOM agisce in modo quanto meno equivoco, ai limiti fra il plagio e la concorrenza sleale, rispetto alla rivista telematica Gossip News.
NAPOLI. Il noto portale giornalistico TGCOM all’indirizzo web http://www.tgcom.it/ArticoloTgCom/articoli/articolo79039.shtml pubblicizza un servizio a pagamento descritto nel seguente modo: "Riceverai ogni giorno direttamente sul tuo cellulare le informazioni piu’ aggiornate di Gossip News: le notizie piu’ piccanti, le novita’ su eventi e manifestazioni, il gossip piu’ segreto dal mondo dei VIP!". Nulla di male se non ci fosse un piccolo particolare: Gossip News e’ una testata giornalistica on line consultabile all’indirizzo www.gossip.it, piuttosto nota nel settore e di questa iniziativa non ne sa assolutamente niente, anzi in questi giorni sta attivando un servizio analogo ed offre gia’ l’identico servizio per posta elettronica. Inevitabile l’azione legale della direttrice della rivista telematica se non vi saranno immediati chiarimenti. E’ facilmente immaginabile lo stupore e lo sconcerto della direttrice di Gossip News Paola Porta nell’apprendere una simile iniziativa di una testata giornalistica TGCOM dall’indubbia serieta’. Gia’ per il passato la stessa direttrice ha dovuto far fronte a diversi casi di plagio che hanno visto la propria rivista parte lesa nei confronti di varie testate on line. Ma adesso la problematica e’ ancora piu’ complessa, in quanto il nome della rivista viene impropriamente utilizzato per un’iniziativa di carattere economico che tra l’altro fa concorrenza ad analoghe iniziative della stessa Gossip News. Nascono, quindi, in questo caso immediati sospetti di concorrenza sleale ai sensi dell’art. 2598 c.c. n.1 in forza del quale compie atti di concorrenza sleale chiunque “usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con lattivita’ di un concorrente”. La questione non e’ di immediata comprensione in quanto la concorrenza sleale e’ un istituto noto in campo prettamente merceologico ed assume, quindi, una maggiore rilevanza negli specifici settori produttivi. E’ opportuno ricordare pero’ che l’attuale era tecnologica e’ contraddistinta dalla c.d. new economy, di conseguenza oggi sono ravvisabili ipotesi di concorrenza sleale che un tempo non erano neppure immaginabili. Per non parlare poi dello specifico riferimento nella pubblicita’ di TGCOM alla fonte delle notizie del mondo Gossip, difatti qualora le news dovessero essere identiche a quelle di Gossip News, e’ ovvio che in questo caso sarebbe ravvisabile comunque un’ipotesi di plagio o addirittura di contraffazione. [Michele Iaselli/STUDIOCELENTANO.IT]
 

Autore: Redazione FullPress
Link: http://www.studiocelentano.it
News inserita in: Fisco e Leggi
Pubblicato il: 13 settembre 2002


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non č responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter