Oggi è il 12 dicembre 2017
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Temporary Shop: nasce il sito che segnala i negozi temporanei

Il temporary shop come soluzione vincente contro la crisi: nasce un sito che segnala tutti i negozi temporanei e le iniziative collegate ad essi.

E' on line il sito temporary-shop.net. Il portale è stato lanciato da A.S.I.C. Associazione Sviluppo Indipendente Comunicazione per favorire i contatti fra chi cerca e propone locations per l'apertura di questi esercizi. Il temporary shop è una forma di marketing nata negli Stati Uniti e approdata da poco in Italia e sta riscuotendo un notevole successo anche tra gli imprenditori nostrani. Questa innovazione, nata dall'esigenza dei commercianti di mantenere il passo con un'economia sempre più volatile, sta poco a poco trasformando il commercio in una forma di comunicazione. Ma che cos'è precisamente il temporary shop? E' un normale negozio che, a differenza dei tradizionali esercizi commerciali, apre improvvisamente in luoghi e periodi dell'anno strategici, rimane aperto in media 40 giorni, dopodichè chiude di solito coerentemente con un conto alla rovescia esposto in vetrina. Spesso si accompagna con eventi e inaugurazioni a effetto. I suoi obiettivi possono essere molteplici: il lancio di nuovi prodotti, la proposta di articoli fuori catalogo a produzione limitata, la divulgazione di un servizio, una svendita o una promozione particolare. Anche i vantaggi sono numerosi: si va dalla notevole presa psicologica sui consumatori a un rapporto più vantaggioso tra spese e fatturato, a contratti di noleggio agevolati e meno vincolanti. Il temporary shop è sicuramnete una risposta vincente alla forte modulazione che i mercati stanno subendo in questi ultmi anni.

 

Autore: Rossano Sambo
Link: http://www.temporary-shop.net
News inserita in: Internet
Pubblicato il: 30 marzo 2011


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter