Oggi è il 08 agosto 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

Teqnopolis: Primo Forum Internazionale dei Poli di Competitività francesi e dei Distretti Tecnologici e Parchi Scientifici italiani.

Primo Forum Internazionale dei Poli di Competitività francesi e dei Distretti Tecnologici e Parchi Scientifici italiani. www.teqnopolis.eu
 Per la prima volta in Europa, l’Italia ospiterà in ottobre 2007, un importante evento che riunisce Poli di Competitività, Distretti Tecnologici e Parchi Scientifici allo scopo di favorire collaborazioni scientifiche, industriali e di business tra i centri di ricerca e le imprese italiane e francesi. La manifestazione TEQNOPOLIS , voluta e promossa dall’Ambasciata di Francia coinvolge vari Ministeri Francesi ed Italiani (quelli dell’Economia, dell’Industria, della Ricerca e dell’Insegnamento Superiore), Ubifrance, l’Agenzia Francese per l’Internazionalizzazione delle Imprese, OSEO, l’Agenzia Francese per Innovazione Tecnologica, e sono stati invitate varie associazioni tra cui l’AFIRIT, l’Associazione Franco-Italiana per la Ricerca, l’ADITE, il Club dei Distretti Tecnologici, l’APSTI, l’associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani e l’European Cluster Alliance. L’organizzazione sarà curata da Wireless srl, promotore dal 2002 di importanti eventi nel mondo delle tecnologie e della multimedialità come VON Europe, M2M Forum e Telemobility Forum. Poli di Competitività e Distretti Tecnologici: realtà similari per far crescere competenze ed innovazione Frutto della nuova politica industriale lanciata nel 2004 destinata a favorire l’inserimento delle imprese in un contesto mondiale sempre più concorrenziale, i Poli di Competitività francesi sono ufficialmente nati nel 2006 . Ad oggi se ne contano 66 di cui 16 a valenza mondiale. Tutti i settori di attività e quasi tutte le regioni francesi sono rappresentate in questo club dell’eccellenza tecnologica: le tecnologie dell’informazione e le loro varie applicazioni, le biotecnologie e le tecnologie legate alla salute, l’ambiente, l’elettronica, l’energia ma anche settori più maturi come la meccanica, i trasporti, l’agricoltura e le industrie agroalimentari. Allo scopo di favorire lo sviluppo dei Poli di Competitività, il governo francese ha stanziato un finanziamento di 1,5 miliardi di euro per il biennio 2006-2008. http://www.competitivite.gouv.fr/ I Distretti Tecnologici italiani, ispirati alla storia vincente dei distretti industriali, vengono costituiti nel 2004 su iniziativa del Ministero delle Università e della Ricerca con lo stesso obiettivo di favorire il trasferimento delle conoscenze tra il mondo dell’Università e della Ricerca e le Imprese. I Distretti Tecnologici italiani costituiscono pertanto oggi uno dei principali fattori di accelerazione dello sviluppo delle imprese che ve fanno parte. I Distretti già costituiti sono attualmente 25 dislocati in 14 regioni italiane; ulteriori 4 sono invece in corso di costituzione, portando le regioni coinvolte ad un totale di 18. Le tematiche e i settori coinvolti spaziano dalle nanotecnologie (Veneto), biotecnologie (Lombardia) e biomedicina, alla meccanica (Emilia Romagna) ai sistemi intelligenti per la logistica, all’aerospaziale. http://www.ricercaitaliana.it/distretti.htm TEQNOPOLIS un’opportunità unica per sviluppare collaborazioni cross-border I Poli di Competitività francesi e i Distretti Tecnologici Italiani che raggruppano università, centri di ricerca pubblici e privati, multinazionali e PMI hanno già tessuto al loro interno uno stretto network di collaborazioni, programmi comuni di ricerca, azioni di promozione collettiva. Alcuni hanno inoltre avviato relazioni inter-clusters a livello bilaterale, come ad esempio il Polo SCS (Soluzioni Comunicanti e Sicurizzate) di Sophia Antipolis (Nizza) che ha concluso un accordo con il distretto Torino Wireless, e il polo Rischi Naturali e Vulnerabilità del Territorio di Montpellier che ha siglato un accordo di collaborazione con il Centro di Competenza italiano AMRA (Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale) di Napoli. TEQNOPOLIS si inserisce perfettamente in questa dinamica di collaborazione bilaterale , proponendosi come momento privilegiato di incontro e di scambio di esperienze tra realtà molto vicine sia dal punto di vista della cultura imprenditoriale che del tessuto industriale come quella francese ed italiana. TEQNOPOLIS un evento fatto di conferenze, workshop, spazi espositivi ed incontri B2B Strutturato su un’unica giornata, l’evento TEQNOPOLIS si compone di una conferenza plenaria, workshops dedicati alle principali tematiche relative all’innovazione ed atelier di presentazione dei poli di competitività francesi. Nell’arco della giornata sarà inoltre attiva un’area espositiva a disposizione di clusters e operatori francesi ed italiani per presentare le loro eccellenze tecnologiche e favorire business-meetings. Tutte le sessioni di conferenze si terranno in lingua inglese e godranno della presenza di ospiti di rilievo del panorama franco-italiano dell’innovazione e della ricerca. TEQNOPOLIS sarà presente il 7 Giugno 2007 con un Info-Point al Forum delle Imprese Francia-Italia che si tiene presso il Palazzo delle Stelline di Corso Magenta 61 a Milano. Gli organizzatori saranno a disposizione del pubblico per illustrare le varie iniziative legate all’evento. Contatti: Ente Promotore: AMBASCIATA DI FRANCIA IN ITALIA – SERVIZI COMMERCIALI Patrizia GALBIATI / Fabiola GALLIO Corso Magenta 63 – 20123 Milano Tel. : +39 02 48 54 73 20 / 25 Email: patrizia.galbiati@missioneco.org / fabiola.gallio@missioneco.org Segreteria Organizzativa: WIRELESS SRL Teresa ROSSANO Via Monterosa,11 - 20149 Milano Tel: +39 02 48 51 79 25 Fax: +39 02 46 00 15 E-mail: trossano@gowireless.it – www.gowireless.it Ufficio Stampa CITEF – Agenzia Stampa di Ubifrance in Italia Frederic CHAILLOUX Via Morozzo della Rocca 9 – 20123 Milano Tel: +39 02 43 98 08 32 E.mail: info@citef.it
 

Autore: Michela Gnemmi
Link: http://www.teqnopolis.eu
News inserita in: Eventi e fiere
Pubblicato il: 06 giugno 2007


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter