Oggi è il 07 aprile 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

XPG Gaming DDR3-1333G: nuova serie di memorie a bassa tensione dedicate ai gaming enthusiast.

La famiglia di memorie espressamente concepite da ADATA per i giocatori più esigenti si arricchisce della nuova serie XPG DDR3-1333G, in grado di offrire velocità, stabilità ed al contempo consumi energetici ridotti.

ADATA Technology Co., Ltd., una delle più importanti realtà del mercato mondiale dei moduli di memoria DRAM ad alte prestazioni e NAND Flash, introduce nella propria offerta la nuova XPG Gaming DDR3-1333G, una nuova serie di moduli di memoria low voltage concepita per i videogiocatori più esigenti che utilizzano le piattaforme Intel® X58, P55, H55 e H57, nonché per il segmento HTPC.
Espressamente realizzata per i gamer che ricercano le massime prestazioni ma che al contempo hanno un occhio di riguardo anche ai consumi energetici ed all’impatto ambientale, la nuova serie XPG Gaming DDR3-1333G è in grado di garantire stabilità e prestazioni con tensioni di appena 1,35V e timing CL9-9-9-24.
“L’eco-sostenibilità è da sempre uno dei più importanti valori di ADATA e per questo abbiamo sviluppato la nuova serie XPG Gaming DDR3-1333G a basso voltaggio, dal momento che efficienza energetica significa di fatto riduzione delle emissioni di CO2.”, ha affermato Alex Wu, Project Manager della Divisione Product Management di ADATA, che ha concluso: “Grazie a questa nostra nuova proposta i gamer più appassionati potranno contare sul miglior equilibrio tra prestazioni e stabilità, ed al contempo contribuire alla contenimento dell’impatto ambientale, nonché avvantaggiarsi di sensibili risparmi sulle bollette elettriche.”

 

Autore: Preview s.r.l.
News inserita in: Hardware
Pubblicato il: 01 settembre 2010


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter