Oggi è il 30 settembre 2020
Direzione Giornalistica: ANNA BRUNO 
 

wall street journal: prima classifica dei programmi mba internazionali

Nella guida di The Wall Street Journal/Harris Interactive sui programmi M.B.A. le scuole europee di business formidabili rivali di quelle americane
Londra – L’International Institute for Management Development di Losanna, Svizzera (IMD) ha ottenuto il prestigioso primo posto nella prima classifica stilata da The Wall Street Journal/Harris Interactive sui programmi globali M.B.A. . I risultati completi, tra cui quelli sulle migliori scuole del Nord America, sono pubblicati oggi in tutte e tre le edizioni stampa del Wall Street Journal (U.S, Europe e Asia), e online al sito www.wsj.com La London Business School si è classificata seconda e la spagnola Escuela Superior de Administracion y Direccion de Empresas (ESADE) terza nelle classifiche internazionali. Il sondaggio, condotto su 2.849 selezionatori MBA, è stato condotto online tra il 2 dicembre 2003 e il 31 marzo 2004: i selezionatori hanno valutato solo i programmi full time in cui avevano svolto recenti attività di selezione. Per potersi classificare, una scuola doveva ricevere almeno 20 voti da parte dei selezionatori. In tutto, 71 scuole sono state classificate. La nuova classifica internazionale considera le business school le cui attività di collocamento nel mondo del lavoro hanno una portata globale, attraendo selezionatori da differenti Paesi. La classifica è parte di The Wall Street Journal Guide to Business Schools, “Recruiters’ Top Picks”, pubblicata oggi. Come negli anni precedenti, le classifiche di The Wall Street Journal sui programmi M.B.A. non sono altro che un riflesso di quanto una business school sia attraente per i selezionatori, cioè per chi “acquista” talento M.B.A. La metodologia tuttavia è stata rinnovata per rendere conto delle differenze nell’attività di selezione dell’M.B.A. tra le scuole, portando così quest’anno a tre diverse classifiche. Oltre le classifiche “internazionali”, (che includono 13 scuole in Nord America e otto programmi MBA europei), ci sono due liste dedicate alle scuole solo nell’America del Nord: - 19 scuole “nazionali”, guidate dalla Ross School of Business dell’università del Michigan - 44 scuole “regionali”, con al primo posto la Krannert School of Management dell’università di Purdue nell’Indiana. Al pari delle classifiche americane, quella internazionale si basa sul modo in cui le scuole valutano insieme ai selezionatori le diverse attitudini, quali la leadership degli studenti, il lavoro di gruppo, le capacità relazionali e di analisi, e il “sostegno” (la probabilità che un selezionatore continui ad assumere persone da una determinata scuola e faccia quindi un’offerta di lavoro agli studenti di quella scuola nei prossimi due anni). Le classifiche internazionale e americana differiscono nel ‘mass appeal’. Nelle classifiche statunitensi il tasso di mass-appeal si basa su una serie di risposte a un’indagine condotta su selezionatori che affermano di assumere da una scuola in particolare. Per le classifiche internazionali, il mass appeal è il numero di Paesi da cui una scuola attira i selezionatori. Perché rientri in questa graduatoria è necessario che gli intervistati di almeno quattro Paesi dichiarino di aver assunto da una determinata scuola. Delle otto business school europee nella classifica internazionale, quattro si sono distinte in primo luogo per la diversità dei selezionatori che attraggono. La London Business School, molto apprezzata dalle società di servizi finanziari, ha attratto selezionatori provenienti da15 paesi diversi: il numero più alto di ogni altra scuola. Segue la IMD con 12. Ma la London Business School, IMD di Losanna, la HEC School of Management di Parigi e la ESADE spagnola hanno ottenuto punteggi più alti di molte scuole americane per quanto riguarda il cosiddetto sostegno e altri attributi specifici, in particolare la conoscenza e l’esperienza internazionale dei loro studenti. Piccolo è meglio: IMD prima in classifica La IMD, una piccola scuola di management a Losanna, ammette circa 90 studenti ogni anno al suo intenso programma MBA di 10 mesi. I selezionatori hanno apprezzato la maturità e la prospettiva globale degli studenti, dando voti alti per le conoscenze e le esperienze internazionali dei loro studenti, l’abilità di leadership, l’etica e l’integrità personale, il pensiero strategico e l’armonia generale della persona. La IMD è al primo posto per il modo in cui è “percepita”. “Abbiamo bisogno di leader, e quello che distingue gli studenti di IMD è una spiccata autoconsapevolezza e una profonda esperienza manageriale,” dichiara Pim van Wesel, business-development manager in Svizzera per Medtronic Inc. Gli studenti IMD, continua van Wesel “portano una base di esperienze concrete, non solo accademiche.” Sean Meehan, direttore del programma M.B.A. a IMD, commentando la classifica, ha dichiarato: “Il focus specifico di The Wall Street Journal sui selezionatori è utile perché è tramite loro che facciamo il vero test di mercato sugli MBA. Siamo convinti che i candidati ad un MBA debbano sentire le loro opinioni”. “È davvero gratificante vedere che i nostri investimenti fatti sulle ammissioni e processi di collocamento sono stati riconosciuti pubblicamente. Il nostro impegno verso i selezionatori consiste in una concentrazione continua su questi elementi fondamentali – un gruppo selezionato di 90 studenti; massima attenzione allo sviluppo della leadership; esperienza concreta del mondo come sfida senza precedenti. Multi-lingue: un altro valore importante Alcune scuole hanno ricevuto notevoli apprezzamenti per aver incoraggiato gli studenti a essere multi - lingue. Il curriculum MBA di ESADE in Spagna include per statuto l’apprendimento di due lingue (inglese e spagnolo) entro i tempi previsti per la laurea. I selezionatori hanno assegnato voti alti alla scuola spagnola per l’abilità degli studenti di lavorare in gruppo, di inserirsi nella cultura aziendale, per l’etica e l’integrità personale. classificandosi primi nella categoria “soddisfazione globale” per aver soddisfatto le aspettative dei selezionatori. ##### Classifica delle migliori scuole internazionali Questa classifica comprende le scuole europee e del Nord America a cui si rivolgono un gruppo di selezionatori da tutto il mondo. Si basa sul modo in cui i selezionatori valutano ogni scuola relativamente a 20 diverse caratteristiche, ai loro progetti futuri di assumere studenti di quella scuola, e sul numero di Paesi da cui la scuola attrae i selezionatori. Per essere inserita nella graduatoria, una scuola ha bisogno di selezionatori di almeno quattro Paesi che nel sondaggio dichiarino di aver selezionato di recente presso di essa. Classifica Scuola N di paesi selezionatori 1 IMD International 12 2 University of London (London Business School) 15 3 Escuela Superior de Administracion de Empresas (ESADE) 7 4 HEC School of Management, Parigi 8 5 Massachusetts Institute of Technology (Sloan) 9 6 Dartmouth College (Tuck) 4 7 University of Michigan (Ross) 6 8 Thunderbird (Garvin) 4 9 Penn State University (Smeal) 4 10 Stanford University 5 11 University of Chicago 5 12 INSEAD 11 13 Columbia University 6 14 York University (Schulich) 5 15 Erasmus University (Rotterdam) 6 16 Harvard University 8 17 University of Pennsylvania (Wharton) 5 18 University of Navarra (IESE) 8 19 University of California, Berkeley (Hass) 5 20 Instituto de Empresa (IE) 6 21 Cornell University (Johnson) 5 Informazioni sull’indagine Questa è la quarta indagine annuale di The Wall Street Journal/Harris Interactive sulle business school. Quest’anno la metodologia della ricerca è stata rinnovata, portando così alla stesura di tre classifiche: - 19 scuole “nazionali” nel Nord America. Questi programmi M.B.A. hanno molti selezionatori in comune, principalmente aziende nazionali e multinazionali che assumono studenti delle più importanti business school. - 44 scuole “regionali” nel Nord America. Questi programmi M.B.A. sono di solito più snelli e attraggono molti selezionatori dalle regioni locali. - 21 scuole “internazionali”. Questa categoria, composta di otto scuole europee e di 13 dei programmi M.B.A. nordamericani presenti nelle altre due classifiche, include solo scuole che attraggono un mix globale di selezionatori provenienti da almeno quattro Paesi. L’indagine, condotta su 2.849 selezionatori M.B.A., è stata condotta online tra il 2 dicembre 2003 e il 31 marzo 2004, con gli intervistati che hanno votato solo relativamente alle scuole in cui hanno detto di aver svolto recenti attivitàdi selezione. Per essere inserita in una delle tre classifiche, una scuola doveva ricevere almeno 20 voti da parte dei selezionatori. Questo nuovo approccio mantiene la maggioranza degli elementi del metodo originale usato nelle tre precedenti classifiche M.B.A. del Journal, che includono le percezioni dei selezionatori sulle scuole e sugli studenti sulla base di 20 attributi-chiave, quali la capacità di leadership, le capacità di lavorare in team e le qualità relazionali, e il “mass appeal” della scuola, ovvero il numero di selezionatori che attrae. Una parte rivista e ampliata della formula di classifica è il “sostegno,” definito come l’intenzione dei selezionatori di ritornare in una determinate scuola e la probabilità che propongano delle offerte di lavoro ai suoi diplomati nei due anni successivi. L’elemento che è cambiato maggiormente è il calcolo utilizzato al fine di giungere alla stesura di ognuna delle tre classifiche. E’ stato rivisto per dare lo stesso peso alla percezione, al mass appeal e al sostegno, poichè la vecchia formula portava ad una classifica sempre più governata dal fattore mass appeal. In sostanza la classifica stava diventando sempre più il riflesso delle dimensioni della scuola e del suo gruppo di selezionatori che delle impressioni dei selezionatori sulla scuola e sugli studenti. “Con i cambiamenti apportati alla metodologia”, dice Joy Marie Sever, vice preside senior della Harris Interactive Inc., “il valore dei risultati è aumentato. Le scuole possono vedere in che gruppo si trovano e con quali altre scuole sono in competizione; i selezionatori possono imparare qualcosa sulle altre scuole nel loro gruppo di potenziali selezioni; infine gli aspiranti studenti possono confrontare più facilmente, all’interno di una breve lista delle potenziali scuole, le une con le altre.” The Wall Street Journal The Wall Street Journal, fiore all’occhiello di Dow Jones & Company (NYSE: DJ; www.dowjones.com), è leader al mondo tra le pubblicazioni business. Fondato nel 1889, The Wall Street Journal ha una diffusione di 2,1 milioni di copie tra l’edizione cartacea e quella online e raggiunge i leader economici e politici , così come gli investitori, del Paese. Si è aggiudicato 29 Premi Pulitzer per la qualità del lavoro giornalistico. Il Journal cerca di aiutare i propri lettori dando loro informazioni essenziali e rilevanti, presentate in modo imparziale e accurate, da fonti affidabili e sicure. Il franchise di The Wall Street Journal in versione cartacea conta più di 700 giornalisti sparsi in tutto il mondo, che fanno parte del network di Dow Jones composto da uno staff di circa 1800 unità. Le altre pubblicazioni affiliate a The Wall Street Journal, con una diffusione totale di più di 2,6 milioni di copie, comprendono The Asian Wall Street Journal, The Wall Street Journal Europe e The Wall Street Journal Online all’indirizzo www.wsj.com, il sito che registra il maggior numero di abbonati in tutto il Web. Nel 2004 il Journal si è posizionato al primo posto nella classifica BtoB's Media Power 50 per il quinto anno consecutivo. Harris Interactive® Harris Interactive (www.harrisinteractive.com) è una società mondiale di ricerca che integra la consulenza strategica con efficaci e innovativi metodi di indagine, analisi e applicazione. Molto conosciuta per The Harris Poll® E per essere stata all’avanguardia nei metodi di ricerca per Internet, la società di Rochester, New York svolge ricerche pubbliche e private per aiutare i suoi clienti nel mondo a ottenere risultati chiari, concreti e che durino nel tempo. Harris Interactive combina il suo capitale intellettuale, i propri database e tecnologie per promuovere la leadership di mercato attraverso i suoi uffici negli Stati Uniti e le sussidiarie di proprietà: HI Europe (www.hieurope.com) a Londra, Novatris (www.novatris.com) a Parigi, Harris Interactive Japan a Tokyo, e WirthlinWorldwide (www.wirthlinworldwide.com) negli Stati Uniti, recentemente acquistata. Harris Interactive opera infine attraverso un network globale di società affiliate.
 

Autore: Redazione FullPress
News inserita in: Varie
Pubblicato il: 22 settembre 2004


counter
Lascia un commento

Captcha image
I campi contrassegnati da un * sono obbligatori

E' vietata la riproduzione integrale del testo e l'uso delle foto. E' consentita solo la riproduzione parziale dell'articolo con link diretto al sito e citazione della fonte. L'editore non è responsabile di eventuali omissioni e/o imprecisioni.

Seguici su Facebook e Twitter